Warning: Declaration of TCB_Menu_Walker::walk($elements, $max_depth) should be compatible with Walker::walk($elements, $max_depth, ...$args) in /home/giorg148/public_html/wp-content/plugins/thrive-visual-editor/inc/classes/class-tcb-menu-walker.php on line 0
Blog - Morgan
Ago 06

Chi è Mario Moroni?

By Edoardo Balestri | Interviste

Intervista a Mario Moroni

Esperto di marketing e comunicazione, startup mentor ed autore del libro "Startup di Merda".

Una chiacchierata riguardo la sua esperienza di startupper e sui falsi miti che circondano questo tema. Fidatevi che sono molti...

Le giuste indicazioni da un esperto del settore. Non perderle!

Ago 06

Chi è Damiano Crognali?

By Edoardo Balestri | Interviste

Intervista a Damiano Crognali 

Una carriera trascorsa nel mondo della comunicazione online tra giornalismo, pubblicità e storytelling.

Abbiamo parlato della sua esperienza personale, del futuro del mondo del giornalismo e di comunicazione online.

Un giornalista a tutto tondo non ti capiterà più, ascolta i suoi consigli!

Ago 05

Chi è Leonardo Prati?

By Edoardo Balestri | Interviste

Intervista a Leonardo Prati

Conosciuto online con il nickname AskLeo. Da tempo uno dei volti più competenti della comunicazione online.

Con lui abbiamo parlato della sua esperienza personale, della comunicazione online e dei social media. 

Ci ha insegnato molto! Non vorrai perderti i suoi insegnamenti...

Ago 05

Chi è Giuseppe Gatti?

By Edoardo Balestri | Interviste

Intervista a Giuseppe Gatti

Giuseppe Gatti, come ci racconta nell'intervista, è passato dall'essere un investitore immobiliare di successo ad essere finanziariamente in seria difficoltà a causa di diverse scelte sbagliate. Giuseppe è riuscito poi a raccogliere più di 1 milione di euro grazie al suo fondo molecolare. Da qualche anno ha spostato la sua attività online ed ha costruito SpecchioDinamica, una community che conta più di 400 membri. Ha lanciato inoltre il progetto InvestiConMe, che nel prossimo futuro sbarcherà in Europa. Con lui abbiamo parlato della sua esperienza personale, di investimenti e di Personal Branding.

Ago 05

Chi è Alessandro Proto?

By Edoardo Balestri | Interviste

Intervista ad Alessandro Proto 

Conosciuto come il lupo di corso Buenos Aires ed il truffatore più famoso d'Italia.

In questa intervista Alessandro Proto ci racconta la sua esperienza personale e ci parla di strategia di vendita, marketing e Personal Branding. 

Gen 04

Come affrontare le domande più richieste in un colloquio di lavoro?

By Morgan | Domande da colloquio

In questo video condivido con voi le domande che mi sono state rivolte in un colloquio di lavoro.

Ecco le più frequenti:

  • perchè vuoi lavorare per la nostra azienda?
  • Parlami di te
  • Quali sono i tuoi punti di debolezza?
  • La cosa più importante in un colloquio di lavoro
  • Chi licenzieresti e chi promuoveresti fra tutti i candidati?
  • Dove ti vedi fra 5 anni?
  • Perchè hai scelta questa posizione?
  • Linguaggio non verbale e colloquio di lavoro
  • Come investiresti 10 milioni di euro?
  • Vuoi farmi qualche domanda?
  • Cosa fare prima e dopo ogni colloquio
Dic 14

Come evolvere e sfruttare al massimo il tuo pensiero strategico

By Morgan | Migliorare sé stessi , Qualità individuali

Può capitare, in situazioni di confusione, indecisione e complessità di non riuscire a capire bene quale strada prendere, quale strategia adottare.

Proprio in questi momenti si rivelano utilissime le persone con uno spiccato e ben sfruttato pensiero strategico. In questo articolo leggerai chi sono nello specifico, come potenziare il tuo pensiero strategico se ambisci a diventare un talentuoso stratega e come sfruttarlo al massimo una volta potenziato.

Cos’è il pensiero strategico?

Le persone con un forte pensiero strategico hanno l’abilità di vedere attraverso la nebbia della complessità per scegliere il percorso giusto da intraprendere. Questa è una qualità quasi impossibile da insegnare, deriva in parte da in modo del tutto innato di vedere il mondo attraverso una lente particolare, dall’altro però un forte senso strategico può derivare anche dalla preparazione e dall’addestramento.

Dove gli altri vedono complessità, uno stratega vede un possibile sentiero da seguire, prefigurandosi e valutando continuamente diversi scenari, chiedendosi sempre “cosa succederebbe se accadesse questo?”. Questa domanda reiterata li aiuta a valutare, pianificare e preparare il terreno per situazioni future. Vedono una strada dove altri non vedono nulla, teorizzano una strategia d’azione e si muovono nella direzione prefissata.

Se anche tu spesso ti trovi a riflettere e pianificare su scenari futuri ipotetici, se ti piaccioni i giochi da tavolo e di strategia, probabilmente sei uno stratega.

Se invece pensi che la previsione e la pianificazione di uno stratega ti manchino, non preoccuparti. Questo non significa che tu di capacità di pianificare il futuro. Nell’ultimo capitolo puoi trovare dei suggerimenti utili per affinare il tuo pensiero strategico!

Come sfruttare al meglio le tue doti da stratega

Uno stratega può spesso, grazie alla sua particolare “vision”, può ricoprire spesso il ruolo di “nostromo” del gruppo, ecco come sfruttare al meglio il pensiero strategico:

  • cerca un lavoro in un settore altamente competitivo ed internazionale, in un ruolo poco operativo e molto orientato alla strategia ed alla pianificazione;

  • spiega in modo chiaro il tuo flusso di pensieri al gruppo, cercando di motivare al massimo la tua proposta di strategia, in questo modo aiuterai anche chi ha meno visione strategica a capire il contesto e a seguirti;

  • a volte devi seguire il tuo istinto, spesso il pensiero strategico non si manifesta razionalmente e lo percepisci solo tramite presentimenti. In queste situazioni è importante anche avere il coraggio di fidarsi del proprio istinto strategico, difficilmente sbaglia.

Se non sei uno stratega,, ecco come sviluppare il tuo pensiero strategico

Se non ti senti uno stratega, ecco qualche indicazione per acquisire parte di questo talento:

  • preparati al massimo studiando il contesto in cui ti trovi, il mercato, i case history e le opinioni degli esperti del settore, prenditi del tempo per ricercare fonti attendibili e per studiare tutte le informazioni che riesci a trovare;

  • prenditi del tempo per pensare, liberati dalle necessità operative del lavoro per un attimo e pensa a possibili scenari futuri, prendi in considerazione alcune azioni che potresti intraprendere e cerca di prevedere e soppesare le conseguenze;

  • allarga gli input che il tuo cervello riceve, se sei un architetto leggi un romanzo, se sei un manager leggi una rivista medica. Leggi informazioni che non appartengono al tuo campo d’azione, questo ti aiuterà a vedere le cose da una prospettiva diversa.

  • cerca di ricondurre le decisioni importanti e da prendere in fretta nella tua “comfort zone”. Se una decisione importante che devi prendere in fretta non riguarda la tua “comfort zone” trova una soluzione alternativa o delega a qualcun altro parte della ricerca per prendere tale decisione;

L’articolo di oggi è finito, spero di averti dato dei consigli utili su come aumentare le tue capacità di stratega per qualsiasi domanda contattami pure e sarò felice di risponderti!

Dic 04

Passare all’azione: proattività e teamwork

By Morgan | Qualità individuali

Spesso capita di svolgere perfettamente una riunione, prendere delle decisioni importanti ed accorgersi solamente dopo di non aver fissato un dettaglio estremamente importante: il piano di azione.

In questi momenti sono incredibilmente utili gli attivatori, ovvero chi non vede l’ora di prendere una decisione e “passare all’azione”. Nel video di oggi scoprirai, se ti senti un attivatore, come utilizzare al meglio le tue doti, se non sei un attivatore ma vorresti essere più pragmatico, qualche consiglio utile su come prendere decisioni più in fretta, smetterla di rimuginare e passare all’azione!

L’attivatore, chi è?

L’attivatore è una persona incredibilmente dotata nel trasformare in realtà i progetti. L’attivatore è spesso una persona molto impaziente, che preferisce imparare sul campo rispetto all tipica lezione tra i banchi di scuola. L’attivatore è spesso la persona che, a fine di una riunione di gruppo, chiede “Quando cominciamo?”. Una volta presa una decisione sono già pronti a percorre il piano d’azione per trasformare la decisione in realtà.

Se anche tu spesso ti senti impaziente di passare all’azione quando di trovi in una riunione di gruppo allora molto probabilmente sei un attivatore.

Se invece pensi che l’intesità e l’energia di un attivatore ti machi, non preoccuparti. Questo non significa che tu manchi di passsione, di iniziativa o l’abilità di passare all’azione. Sei solo una persona che preferisce pensare bene ed essere sicura prima di fare un passo per trasformare un progetto in una realtà. Nell’ultimo capitolo puoi trovare dei suggerimenti utili per “sveltire” il tuo processo decisionale e diventare un po’ più attivatore!

H2: Come sfruttare al meglio le tue doti da attivatore

Gli attivatori sono delle pesone molto preziose sul mondo del lavoro, ecco qualche indizio per sfruttare appieno il tuo talento:

  • cerca un lavoro che ti dia la possibilità di essere relativamente indipendente e che ti dia un certo margine di autonomia nell’operare. In particolare cerca aziende in fase di start-up o che abbiano bisogno di un cambiamento radicale, in queste situazioni infatti cercano delle persone che decidano in fretta ed eseguano altrettanto in fretta;

  • sfrutta il tuo talento nei metting di lavoro per suggerire il settagio dei tempi e dei ruoli, assicurati di chiedere sempre a fine di ogni riunione quali sono i primi passi da fare per rendere effettive le decisioni prese durante la riunione;

  • quando senti la necessità, specialmente durante una riunione, di smettere di discutere e di passare all’azione, cerca di chiarificare nella tua testa i motivi di qeusta sensazione ed esponili al team, saranno più indotti ad ascoltare le tue esortazioni se motivate;

  • riconosci il fatto che, a volte, questo tuo talento può apparire come intimidatorio agli occhi di nuovi colleghi, cerca quindi di non essere troppo insistente. A me è successo spesso nei lavori di gruppo, essendo un attivatore mi è capitato spesso di esortare il team incoraggiandoli a passare all’azione, qualche volta u componente del team un po’ meno pragmatico di me si è sentito leggermente offeso o lasciato indietro, a ragion veduta, non ero stato abbastanza diplomatico!

Se non sei un attivatore, ecco come passare all’azione più velocemente

Se non ti senti un attivatore, ecco qualche indicazione per acquisire parte di questo talento:

  • ricostruisci i tuoi “percorsi di decisione”. Spesso capita che le persone, prima di prendere una decisione, svolgano prima dei passi antecedenti alla decisione stessa, ad esempio potrebbe chiedere un’opinione ad un amico o ad una collega. Cerca di capire qual’è il pattern che segui quando prendi una decisione ed applicalo ogni qualvolta che senti il bisogno di prendere una decisione. Ti aiuterà a decidere più in fretta ed a sentirti più sicuro della strada intrapresa;

  • cerca di ricondure le decisioni importanti e da prendere in fretta nella tua “comfort zone”. Se una decisione importante che devi prendere in fretta non riguarda la tua “comfort zone” trova una soluzione alternativa o delega a qualcun altro parte della ricerca per prendere tale decisione;

  • A volte, quando devi assolutamente prendere una decisione che non ti senti mai pronto per prendere poniti una scadenza, a volte infatti per agire basta avere solo un po’ di pressione addosso, e per mettere pressione non c’è niente di meglio che una bella deadline!

L’articolo di oggi è finito, spero di averti dato dei consigli utili su come aumentare le tue capacità di attivatore, per qualsiasi domanda contattami pure e sarò felice di risponderti!

Nov 27

Come persuadere e convincere un’altra persona: la reciprocità

By Morgan | Migliorare sé stessi

Non è facile persuadere qualcuno, specialmente se non si conoscono le tecniche giuste. Nell’articolo di oggi scoprirai una delle tecniche base della persuasione e della vendita: la reciprocità.

Il principio della reciprocità

In quanto esseri umani, ci sentiamo in dovere di ricambiare quando riceviamo qualcosa. Questo per evitare il senso di colpa che avverrebbe in caso contrario.

Quando riceviamo un dono nel nostro cervello si attivano due aree molto diverse: la corteccia prefrontale (area cerebrale dedicata diverse attività razionali) e l’amigdala (zona cerebrale legata al subconscio ed ai sensi). Queste due zone cerebrali creare una situazione di scontro cognitivo e ci danno la sensazione di sentirci in debito con il donatore.

Il principio della reciprocità sfrutta appieno questa nostra caratteristica e non a caso prende anche il nome di regola del contraccambio. Per persuadere quindi si fa appello a questo scontro che avviene nel nostro subconscio e dal quale possiamo liberarci solo contraccambiando con un dono almeno di pari valore. Se riceviamo qualcosa che non abbiamo richiesto, ci sentiamo in debito.

Ovviamente questa tecnica la puoi ritrovare nella vita di tutti i giorni: pensa, per esempio, a tutti i flaconcini omaggio che vengono dati ai clienti per provare un prodotto. Un campione regalato è inaspettato, ci sorprende e ci lascia una sensazione positiva che ci lega a quel negozio o, più in generale, a quel brand che condiziona la nostra opinione sullo stesso.

L’esperimento

Ma come hanno fatto a dimostrare la validità del principio di reciprocità? Con un esperimento molto interessante che ti illustrerò seduta stante.

Agli esaminati veniva chiesto di visionare alcune opere ospitate in una galleria d’arte. In realtà la valutazione delle opere era una richiesta fasulla per poter condurre il vero test: al’interno della galleria entrava un individuo di nome Joe che si presentava all’esaminando che stava guardando i quadri in quel momento come un altre partecipante del test. Poco dopo Joe si assentava per qualche minuto per parlare al telefono, facendo in modo di parlare al telefono a voce così alta da essere sentito dall'individuo sottoposto al test. A questo punto Joe, con alcuni esaminandi, faceva in modo di parlare al telefono in modo rude e scortese (per apparire antipatico), con altri esaminanti invece faceva in modo di parlare al telefono in modo gentile e pacato (per apparire affabile). In seguito ritornava nella galleria e, ad alcuni esaminandi, offriva una bibita, ad altri invece non offriva nulla. Da ultimo, a tutti gli individui che si sono sottoposti al test, chiedeva di comprare dei biglietti della lotteria.

I risultati sono incredibili:

  • Non c'è stata differenza, in termini di acquisto di biglietti, tra coloro che consideravano Joe simpatico e quelli che consideravano Joe antipatico;
  • Coloro a cui Joe aveva offerto una bibita hanno acquistato, in media, il doppio dei biglietti di quelli a cui non era stato offerto nulla.

Ecco dimostrato il principio della reciprocità: usalo eticamente per convincere gli altri, ma, soprattutto, stai attento/a quando qualcuno lo utilizza "contro" di te!

Nov 20

Come aumentare la tua produttività: tre parole chiave

By Morgan | Migliorare sé stessi

Dai tempi del liceo ho un problema che ho sempre evitato di risolvere: la produttività.

Nei momenti di studio o lavoro spesso mi ritrovo ostacolato da distrazioni inutili e continue, a volte faccio persino fatica a concentrarmi e, soprattutto, a fine giornata a volte mi rendo conto di non essere stato per nulla produttivo. Tutto questo mi fa arrabbiare con me stesso e mi fa provare un profondo senso di frustrazione, così ho deciso di iniziare a risolvere questo annoso problema.

In questo articolo leggerai prima di tutto un errore di fondo che compivo e che, secondo me, compie la maggior parte della gente, inoltre, ti parlerò di 3 parole chiave che mi hanno aiutato a migliorare drasticamente la mia produttività giornaliera.

Una concezione sbagliata


Ho sempre pensato al mio corpo come l’asino che è cavalcato dalla mente: la mente ordina al corpo, a volte anche bruscamente, cosa fare ed il corpo esegue. Proprio per questo, mi sono abituato a trattare il mio corpo come “oggetto” della mia mente, come se non avesse esigenze o necessità. Così facendo mi mettevo seduto a studiare o a lavorare pensando “adesso sto qui e studio finché non ho finito”, purtroppo però, puntualmente, la concentrazione iniziava a venir meno e mi ritrovavo a fine giornata avendo concluso poco o niente.

Si tratta di una concezione di fondo completamente sbagliata: mente e corpo devono essere considerati un tutt’uno e devono collaborare. Non è giusto che la mente (per essere più precisi: la parte più razionale del nostro cervello) sia il capo ed il corpo (per essere più precisi: la parte irrazionale del nostro essere) sia un asino da comandare. Bisogna trovare un modo di soddisfare i bisogni di entrambe le parti, ovvero: la parte razionale della mente aspira alla vittoria ed al successo e quindi vuole lavorare/studiare/allenarsi, la parte irrazionale, come è naturale, vuole risparmiare le forze e vuole essere intrattenuta, vuole esprimersi ed evitare attività noiose (anche se utili). Come fare per equilibrare queste due necessità, è molto semplice!

Le tre parole chiave

Per poter trovare un sano equilibrio fra i bisogni della mente conscia ed i bisogni del subconscio bisogna rispettare le tre parole chiave della produttività:

  • Obiettivo: fissa un obiettivo giornaliero, per capire cosa vuoi raggiungere oggi con il tempo a tua disposizione. Questo definirà i bisogni della parte razionale, quello che devi necessariamente raggiungere per poter dire, a fine giornata, di aver fatto un buon lavoro (per leggere un articolo dettagliato sulla definizione degli obiettivi clicca qui);

  • Pianificazione: ora, considerando gli obiettivi giornalieri, fai una lista delle attività che devi svolgere oggi per raggiungere l’obiettivo giornaliero (es. obiettivo: studiare Macroeconomia, attività: ripassare appunti, leggere libri X e Y, chiamare Pinco Pallino per fare un ripasso). Adesso includi nella pianificazione anche alcune delle attività che invece vorresti fare (bisogni della parte inconscia della tua mente), ad esempio: leggere, guardare un film, fare una passeggiata o altro. Fai in modo quindi di pianificare la giornata alternando già prima lem attività da fare con le attività che invece ti fanno svagare. Ripeto, le attività di svago devono essere pianificate prima! Non fare un l’errore di pianificare solo le cose che devi fare e pensare dopo ai momenti da dedicare allo svago, questo ti farà perdere la concentrazione mentre lavori e ti farà perdere tempo ed efficienza. Avere una pianificazione completa aiuta il tuo cervello a rimanere sui binari e a non “deragliare”;

  • Soddisfazione: la soddisfazione è il fine ultimo, dopo che hai pianificato l’intera giornata, fermati e chiediti “se rispetto la pianificazione, arriverò a fine giornata soddisfatto del lavoro svolto e senza essere eccessivamente stressato?”. Se la risposta alla domanda è no, rivedi la pianificazione, altrimenti non ti resta che metterti al lavoro. Un grande nemico della produttività infatti è anche il senso di frustrazione che si prova dopo una giornata improduttiva e colpevolizzarti peggiora solo la situazione! Cerca di attenerti il più possibile al piano e non demordere se a volte sgarrerai, domani sarà un’occasione nuova per poter rispettare l’agenda!

Queste tre semplici parole chiave hanno cambiato completamente la mia prospettiva e, anche se a volte non riesco a rispettare del tutto la pianificazione, posso tranquillamente affermare che hanno aumentato drasticamente la mia produttività e la mia soddisfazione personale, ti consiglio di provare!